LA BULGARIA

presentazione sulla Bulgaria

Posizione geografica, capitale.

La Bulgaria è uno Stato membro dell'Unione europea situato nella parte sud-orientale dell'Europa, nella metà orientale della penisola balcanica.

Confina con il Mar Nero ad est, con la Grecia e la Turchia a sud, con la Serbia e la Macedonia ad ovest e con la Romania a nord, da cui è divisa dal fiume Danubio. Con una superficie di 110.994 km2, la Bulgaria è la 14ª nazione europea per estensione. La sua posizione l'ha resa, nel corso della storia, un importante incrocio per svariate civilizzazioni ed è infatti il luogo di ritrovamento di alcuni dei più antichi artefatti metallurgici, religiosi e culturali al mondo.La lunghezza complessiva dei confini bulgari è di 2.245 km, di cui 1181 terrestri, 686 fluviali e 378 costieri. La rete stradale della Bulgaria è lunga 36 720 km, la rete ferroviaria 4 300 km.

La popolazione, composta da 7,36 milioni di persone, è principalmente urbana e vive soprattutto nei capoluoghi delle 28 provincie. La maggior parte delle attività commerciali e culturali sono concentrate nella capitale Sofia. I settori lavorativi predominanti sono quelli dell'industria pesante, dell'ingegneria energetica e dell'agricoltura, tutti sostenuti dalle risorse naturali locali.

I Cibi

Il cibo in Bulgaria

I latticini giocano un ruolo fondamentale nella dieta bulgara; in effetti, i bulgari preferiscono mantenere le mucche in vita per ottenere latte da cui realizzare formaggio piuttosto che ucciderle. Lo yogurt, inoltre, è uno snack irrinunciabile.

La maggior parte dei piatti locali è cotta al forno o al vapore mentre la frittura è meno diffusa.

La rakia, una bevanda alcolica che si prepara con un mix di frutta, accompagna egregiamente quasi tutte le pietanze.


Ecco alcuni dei cibi più diffusi:

Sirene

Comunemente chiamato “formaggio bianco bulgaro”, il sirene somiglia alla feta. In origine, si realizzava esclusivamente con latte di capra ma, al giorno d’oggi, il latte di mucca è diventato un sostituto accettabile.

In genere, si produce in pezzetti morbidi. Usato prevalentemente come formaggio da tavola, presenta una consistenza leggermente granulosa.

Il suo sapore aspro si adatta perfettamente alle zuppe e alle insalate e, a volte, si aggiungono pezzi di formaggio alle uova fritte.
Inoltre, il sirene viene spesso usato per i peperoni ripieni bulgari e per i piatti a base di pasta.

Questo formaggio è diffuso sin dal Medioevo e il modo in cui si produce oggi resta fedele all’originale.

Insieme allo yogurt, è uno dei cibi nazionali della Bulgaria.

TERRITORIO AMBIENTE CLIMA

La Bulgaria ha adottato il Protocollo di Kyoto e ha raggiunto gli obiettivi stabiliti riducendo le emissioni di diossido di carbonio dal 1990 al 2009 del 30%. Tuttavia, l'inquinamento provocato dalle fabbriche, dai lavori metallurgici e da una forte deforestazione continua e causa gravi problemi di salute e benessere. Le aree urbane sono particolarmente afflitte dalla produzione energetica derivante dal carbone e dal traffico stradale,mentre l'uso di pesticidi nell'agricoltura e un antiquato sistema fognario industriale producono un vasto inquinamento del suolo e delle acque per colpa di elementi chimici e detergenti. La Bulgaria è l'unico stato membro dell'Unione europea a non effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, sebbene sia stato apero nel giugno 2010 un impiano di riciclaggio dei componenti elettronici. La situazione sta però migliorando nel corso degli anni e sono stati finanziati dal governo alcuni piani in modo da ridurre i livelli d'inquinamento.
Il clima della Bulgaria deriva la sua particolarità dalla varietà del suo terriorio e dalla sua posizione geografica. La superficie del Paese è grande quanto circa un terzo di quella italiana, tuttavia il suo clima varia notevolmente da zona a zona