Penso&Afferro

Esercizi per il potenziamento della motricità fine

FACCIAMO UN GIOCO?

I giochi che vedrete, possono essere proposti alla scuola dell'infanzia e nel primo anno della primaria (soprattutto all'inizio). In caso di compromissione cognitiva o disturbi pervasivi dello sviluppo sono indicati invece anche per le età successive.

L'obiettivo è quello di affinare l'impugnatura "a pinza", quella che cioè prevede l'opposizione di pollice ed indice. Oltre ad essere un esercizio di pregrafismo permette di aumentare la tonicità distale della mano.

I MATERIALI

Prediligete contenitori di plastica, che, oltre ad essere più leggeri, non rischiano di rompersi. Vanno bene quasi tutti, meglio se posseggono pareti divisorie che consentono di separare materiali o le "fasi di lavoro". Con un piccolo impegno si possono raccogliere e poi riutilizzare (utile in un'ottica di sostenibilità!).



Suggerisco inoltre di usare cannucce da cocktail tagliate a circa 4 cm per gli esercizi con i frammenti piccoli e a 10/12 cm per gli altri giochi.



Se avete quelle dotate di snodo, questi possono essere riutilizzati come raccordi per realizzare con i bambini grandi figure geometriche o creazioni personali.

GLI STRUMENTI

Le pinze si possono trovare in molti negozi di casalinghi e nelle sezioni di hobbsitca dei grandi magazzini.

Sconsiglio:
- le pinzette normalmente usate per la cura della persona, poiché troppo corte e con un'apertura ristretta.


- le pinze da filatelia, che solitamente sono eccessivamente rigide e richiederebbero troppo sforzo al bambino.

IL "SALVADANIO"

Creando delle fessure nel barattolo si può chiedere ai più piccoli di inserire piccoli oggetti all'interno (come i centesimi di rame..che avrebbero finalmente un'utilità!)

Per i buchi: si possono realizzare con un cutter o con il trapano- poi i bordi è meglio renderli più lisci e regolari con un po' di carta abrasiva.

IL "PORCOSPINO"

I segmenti di cannuccia più lunghi possono essere inseriti in un barattolo, (in cui avremo preventivamente creato i fori necessari). Per la larghezza consiglio una misura leggermente più ampia del diametro degli oggetti scelti: il gesto di inserimento deve essere scorrevole, ma non troppo semplice.

DISCRIMINA IL COLORE

Creati dei piccoli pezzetti di carta, è possibile chiedere di compiere un compito di afferramento e di raggruppamento in base al colore.

PINZA DI PRECISIONE


Inserendo gli oggetti in altre sostanze si aumenta la resistenza da vincere per poter realizzare un afferramento corretto.

I pezzetti di carta all'interno di un po' di farina, i segmenti di cannuccia in una piccola quantità di schiuma da barba...e siamo pronti per cominciare!

LA SERIE NUMERICA

Abbinando all'esercizio di prensione una serie di numeri (scritti su dei dischetti di carta), è possibile chiedere ai bambini di accoppiare ad essi le quantità corrispondenti. E' un metodo, inoltre, per cominciare ad introdurre il concetto di insieme vuoto, (relativo al numero 0)

ABBINA LA QUANTITA' - FACILITATO

Una volta sedimentata la successione dei numeri, si possono scegliere alcuni di essi e proporli al bambino in ordine casuale.

ABBINA LA QUANTITA' - IMPEGNATIVO

La modalità precedente ma senza i supporti di colori e forme differenti ad aiutare la discriminazione dei simboli numerici.

E ORA...DITEMI LA VOSTRA!

- Avete provato uno di questi giochi e volete far sapere agli altri com'è andata?
- A casa o a scuola avete già sperimentato altre varianti?
- Avete voi attività da proporre?

Condividete la vostra esperienza, commentando su FB, nella pagina dedicata!