Voci di Guerra

Speciale 2 di Voci di Piazza - settembre 2014

Big image

FABBRICA DI GUERRA 12-13-14 settembre

Evento di Teatro partecipato al Lanificio di Miagliano.


di Renato d'Urtica, Andrea Coccioni, Fabio Banfo e Manuela Tamietti

ricerca storica Simonetta Vella (per il Centro di documentazione della Camera del Lavoro) e Giorgio Lozia

regia Manuela Tamietti, Fabio Banfo

con Fabio Banfo, Erika Borroz, Paolo Canfora, Carlo Cantone, Marco Casciola, Mirko Cherchi, Cristina Colonna, Roberta Correale, Noemi Garbo, Alessandro Germano, Franco Marassi, Massimo Negro, Silvia Ramella Pezza, Luisa Trompetto, Selene Villani, Andrea Zuliani.

in collaborazione con Storie di Piazza, Factory24, I Nuovi Camminanti, Teatro ODS, Pro Loco di Miagliano, Voci di Donne e Donne Nuove

musiche Sergio Pugnalin, Luca Bergero, Raffaele Antoniotti, Simona Colonna

video Maurizio Pellegrini

scene, allestimenti e costumi Laura Rossi


Lo spazio della Fabbrica come luogo in cui rivivere per un momento l'esperienza della guerra e della Fabbrica in guerra, le misere condizioni di vita, la paura, la fame, l'ingiustizia, l'oppressione, l'impossibilitĂ  di esprimersi liberamente.


Accoglienza h. 19, vestizione: abiti da operaio del 1944. Cena: razione di guerra. Spettacolo.

Ingresso 15 euro, ridotto giovani e sostenitori 12 euro.


PRENOTAZIONI

http://www.contrattodellamontagna.com/#/prenotateatro

Laboratori gratuiti

Sono aperte le iscrizioni ai laboratori del 30-31 agosto.

http://www.contrattodellamontagna.com/#/prenotalaboratorio

Costume 30 agosto h. 10-13 e 15-18

Teatro 30 e 31 agosto h. 15-18

Cucina 13 settembre h. 19,00

Big image
Big image

La busecca del gallo

Ricetta di Bianca Zumaglini raccolta da Giorgio Lozia per il laboratorio di cucina Razione di guerra.


Quando cucinava il gallo, mia madre, preparava una buona minestra. Con santa pazienza
svuotava le budella, le lavava accuratamente, le rivoltava con l'aiuto di un
ferro da calza, le rilavava ancora e le teneva poi a bagno per una notte in
un recipiente, nel quale l'acqua scorreva a filo, per ottenere il giusto
ricambio. A questo punto le budelline erano pulitissime e non restava che
tagliarle a pezzetti, metterle in pentola con patate, cipolle, sedano e
carote, il mazzetto d'erbe aromatiche, sale, un battuto di lardo con
rosmarino e aglio e poco olio d'oliva, insieme alle zampe, prima
abbrustolite per poterle pelare, private dalle unghie e alla testa
perfettamente pulita. Copriva abbondantemente con acqua e portava a lenta
cottura. Che sapore la busecca!