BREAK.GUIDE Bambini in Viaggio

Fai vivere l'avventura del viaggio ai più piccoli

Weekly Magazine gratuito, 24, Anno 2016

Big image
Redazione: Andrea Pernarcic - Laura Alessandra

In questo numero:

  • Redazionale GAMES WEEK MILANO

  • 3 Libri e Scrittori a settimana

  • Speciale CAMPER
  • Eventi per Regione
  • Speciale CAVALLI & CIUCHINI
  • Eventi, eventi, ancora eventi
  • Sport Bambino
  • Curiosità
  • Film, Animazione, Cartoni
  • Una Fiaba per i più piccoli
  • Break Guide "GREEN"
  • Universo Mamma
  • S C U O L A
  • Come mi vesto?
  • Storie di libri
  • Corsi...corsi...corsi
  • Cibo: istruzioni per l'uso
  • Musica
  • Visitati e recensiti da Noi - Ristorante La Dolce Vigna

Ma siete impazziti?

Questo il primo pensiero che viene in mente una volta varcata la porta di Fiera Milano City, durante la settimana del Games Week.

Perché ci sono una quantità infinita di ragazzini impazziti per i loro idoli, ogni stand possiede da quattro a otto console gioco, ed ha una fila di 300 ragazzi incanalati da transenne che aspettano il loro turno per provare l’emozione del nuovo gioco in uscita. La confusione viene interrotta ogni tanto da qualche annuncio che attira l’attenzione. Due interi piani pieni di persone, che vagano in cerca del selfie con lo Youtuber, o per un autografo. Mamme impazzite che mentre sei fermo in fila ti pestano i piedi, ti spingono trascinando il figlio con una mano e nell’altra allungano lo smartphone verso il personaggio irraggiungibile. Rimani li impietrito e ti chiedi: ma cosa avranno mai fatto di così importante questi ragazzi per essere così acclamati? Sembra davvero di essere alla presentazione di un film, dove sul tappeto rosso vengono scortati da sei omoni grossi che sono le guardie del corpo. Mentre passano in mezzo alla folla, le ragazzine coscienti di non poter incontrare il loro beniamino, strillano, piangono, imprecano cercando una soluzione. Uno scenario da capogiro, migliaia di ragazzi con il cellulare fermi in fila ad aspettare anche un’ora per avere una foto che ritragga loro ed il loro fan così da poterla pubblicare su Facebook. MA CI RENDIAMO CONTO?

Viene da dire: schiavi dei media e dei social. Che futuro possiamo mai pensare per un branco di persone che seguono il niente?

Analizziamo chi sono questi Youtuber. Ragazzi dai 17 anni in su, che pubblicano filmati sul sito web Youtube, dove spiegano e commentano i video giochi. TUTTO QUI?

Quando il genitore celebro Normale capisce dove si trova, la vocina che ha nella testa comincia a gridare: ma qual è la molla che è scattata dentro la testa di tuo figlio?

Potrei capire un cantante, noi andavamo a vedere Vasco, andavamo in discoteca alla domenica e alle 16:00 tutti a casa. Cercavamo nei rioni di fare amicizia, di girare tutti assieme con il motorino, impersonando i personaggi della tv, come Tom Cruise in Top Gun, imitavamo il Paninaro Enzo Braschi, le battute del Drive In di Ezio Greggio, cercavamo negli artisti veri una possibile similitudine.

Ma cercare un autografo da un pubblicatore di video? Sembra come se vai in campagna e rincorri una mucca, per farti fare un autografo, perché ha fatto il latte buono.

Ma cosa fa scattare nel ragazzino questa spinta a voler avere una foto o un autografo? Ho passato 3 ore ad osservare, poi ho desistito. Però ho capito cosa stava succedendo. Il ragazzino non cerca di conoscere il “personaggio”, perché quando lo incontra non c’è scambio, non c’è comunicazione, non c’è curiosità, non c’è dialogo. Anche i ragazzi che hanno varcato la soglia e non conoscevano questo mondo, sono stati contagiati da questa “febbre”, ma alla fine non si sono chiesti chi erano i ragazzi più grandi ai quali chiedevano l’autografo. Quindi? Quindi è un CONTAGIO!

La percezione dei nostri figli della realtà è alterata. Non c’è un valore, un merito un pregio, in chi si sta inseguendo. C’è la voglia di imitazione, di creare un video o una foto e pubblicarla nella rete, per diventare una piccola star, una briciola di tutto il business che ruota intorno a questo mondo fatto da Valori VIRTUALI. Di vita, storia, cultura non vi è l’ombra.

Anche Radio 105 si è trovata in difficoltà ad intervistare o a capire che cosa stavano vivendo. Infatti le domande che cadevano a pioggia erano sempre rivolte a capire cosa avesse fatto l’uno o l’altro, quale fosse il loro talento, ma oltre ai gadget buttati alla folla, le scenette in posa per fare il selfie sul palcoscenico, e qualche battuta al microfono, non c’era contenuto.

Una marea di giovani fan, questo non si può negare, una intera futura popolazione che segue un’ideale finto, vuoto, virtuale, che non crea assolutamente niente, realizza solo il dialogo con tanti giovani che chiusi nella loro stanza, osservano e ascoltano un video pubblicato nel web, e desiderano di diventare personaggi anche loro, per imitazione.

Un tributo e successo mediatico, un incredibile Fallimento per le generazioni future, che seguono quello che succede, senza porsi domande, senza fermarsi un secondo a riflettere sul chi sono e dove si trovano. Un ragazzino in piedi per ore in mezzo alla folla, con in mano un telefonino, una maglietta, un pezzetto di carta, per avere un ricordo da una celebrità virtuale.

Dal punto di vista dei ragazzi, un successo, girare per ore in mezzo a schermi e suoni, in fila immobili per giocare 5 minuti ad una console, o per aspettare il beniamino, contenti solo di esserci. Un’infinità di cose mi sarei aspettato, speravo anch’io da genitore di giocare con mio figlio come si fa e si faceva nelle sale giochi, invece mal di piedi, stanchezza, caldo e stress, e se non è il tuo è quello della mamma che trascina il figlioletto.

Una delusione unica per una società che più avanza tecnologicamente, più rende ignoranti gli individui che non si possono più chiamare uomini, ma soggetti virtuali.

[Andrea]

3 Libri e Scrittori a settimana

SPECIALE C A M P E R

Big image

Parte il “Prenota Prima” della compagnia navale SNAV, convenzionata con il Club di CamperLife.

Big image
Big image

Eventi Sportivi per regione

Big image
Big image

Speciale CAVALLI & CIUCHINI

Big image
Big image

Eventi, eventi, ancora eventi

Big image

.....PROGRAMMA WORKSHOP/LABORATORI JUNIOR..... DAL 29 OTTOBRE AL 1 NOVEMBRE 2016

Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image

SPORT BAMBINO

Big image
Big image

CURIOSITA'

Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image

Promozioni con Carta PAYBACK di Mondadori

Big image
Big image
Big image

FILM, ANIMAZIONE, CARTONI

Big image
Big image
Big image

Una Fiaba per i più piccoli

cinque piccole scimmie in Italiano | filastrocche compilazione in italiano per bambini

Break Guide "GREEN"

Big image
Big image
Big image
Big image
Big image
Big image

UNIVERSO MAMMA

Big image
Big image
Big image
Big image

S C U O L A

Big image

Come mi vesto?

Big image
Big image
Big image

BREAK.GUIDE - Chi siamo

Una guida organizzata, un blog sui viaggi, due "travel blogger" Laura e Andrea, e due esploratori bambini, Noemi e Cristian. Luoghi visitati e recensiti, con informazioni utili per visitare musei, parchi, città e regioni. Recensioni sulle strutture ricettive, sui camping, sulle zone dove abbiamo realizzato il nostro campo base con le tende. Luoghi visitati on the road a bordo del Goliath, il nostro camper. Molte nuove destinazioni, in programma per voi. Foto, carte, mappe digitali, tutto su un'unico sito web, che funziona su tutti i dispositivi, come un'App. Speriamo di aver suscitato in voi, un po' di curiosità, se avete mete da suggerire, oppure siete proprietari di una struttura e volete che veniamo a visitarla, scriveteci. Fra pochi giorni il sito web sarà operativo

Ristoro Monte Basso SPOT

Ci potete contattare qui

Stiamo preparando tanto materiale per Voi, se conoscete una struttura che vi piace, un evento o una iniziativa, contattateci vi pubblicheremo.

Se siete un struttura ricettiva, noi proponiamo il "baratto", quindi se volete articoli, pubblicità, sitiweb, social, servizi foto e video, ecc. FATEVI SENTIRE!

STORIE DI LIBRI

Big image

Corsi...Corsi...Corsi...

Big image

Cibo: istruzioni per l'uso

Idee divertenti per realizzare piatti originali se il bambino non mangia

Big image

Un mondo di UOVA SODE

Big image
Big image
Big image
Big image
Big image

Musica

Big image
Big image

VISITATI E RECENSITI DA NOI

Big image

La Dolce Vigna

Cesano Boscone ore 19:00 il parcheggio davanti al supermercato Il Gigante si sta piano piano svuotando, la luce si attenua perché il sole sta tramontando, si accendono le luci dell’insegna rosso bordò, dove capeggia il nome di questo romantico locale: La Dolce Vigna.

Quasi un richiamo felliniano, che ricorda momenti pieni di golosità, di profumi della terra italiana, dei profumi del viaggio dell’uva per diventare vino.

Dall’ingresso si può sbirciare tanti angoli ricavati tra bottiglie e botti, adagiate su muri di pietra viva. Botti barrique distese a terra o trasformate in tavolini. Ogni tavolo possiede un suo carisma.

La dominante è il vino, sembra di essere ospitati in esclusività nella cantina del viticoltore. Uno scenario molto particolare dove trovare un momento di confronto con i propri clienti, i propri collaboratori, oppure con i bambini.

La presenza emotiva che aleggia in ogni angolo è quella del simpaticissimo titolare: Nicola Davenia, ideatore di questo luogo, e portatore di tradizioni pugliesi, assolutamente intramontabili.

Ogni pietanza, piatto o calice di vino racchiude una semplicità ed un’umiltà manifesta, tale da sentirsi subito a casa. Il vassoio che apre le danze e che la fa da padrone, è largo quasi un metro ed è ricoperto di lattuga, su cui sono state adagiate sapientemente tutte le fette di affettato fino a formare una leccornia gustativa, che accende il palato.

Un altro vassoio porta i latticini come formaggi e mozzarella di bufala ancora legata nel fieno, oppure la burrata che appena si tocca con la punta di coltello, rivela il suo contenuto cremoso, sintomo di freschezza.

Se si vuol far assaggiare un ambiente puro, genuino ai nostri bambini, questo è il posto giusto, privo di ogni tipo di sofisticazione. Luminoso ma discreto. Un assaggio della terra madre di Nicola.

Nicola è anche il cuoco, e cucina in modo tipico i prodotti provenienti dalla sua terra, come ad esempio le orecchiette alle cime di rapa. Condite con olio extravergine e peperoncino.

I vini non mancano, ci sono regioni intere rappresentate, con caratteristiche uniche, che si sposano con i bicchieri dei commensali. Partiamo dai bianchi secchi bollicine, fino ai primitivi rossi di Turris. Alla fine come trionfo assoluto si può degustare un cannolo siciliano che può essere abbinato ad un vino passito, o ad un bicchierino di porto.

Ogni tavolo viene seguito e coccolato, da personale competente, ogni nicchia tra il vino possiede luci soffuse, che non intralciano gli sguardi, ma anzi esaltano i prodotti sulla tavola. Un locale molto Jazz, una finestra sulle tradizioni italiane, senza fronzoli, senza compromessi.

Attaccato a Milano, con tanti posti, con la salumeria a vista in fondo al corridoio principale. Tutto a vista, tutto illuminato, tante leccornie anche da bere, in un paradiso per chi ama la buona tavola.

Infine un gentilissimo omaggio una bottiglia di vino IGP, Primitivo di Puglia, Cantine dè La Manna, dove sull’etichetta troviamo un primo piano di Nicola, un omaggio di suo padre, in quanto gli ha dedicato questo stupendo vino.

Impossibile restare immacolati dopo aver degustato un aperi-cena in questo tripudio di sapori, gusti, emozioni, spendendo veramente una sciocchezza: 5 persone, 1 litro di prosecco, 2 litri di primitivo, mega vassoio di affettati dop, vassoio di latticini, antipasto con bruschette su pane pugliese, una padella di orecchiette fresche alle cime di rapa, 6 bottigliette d’acqua, 1 coca cola, 2 caffè, 2 cannoli siciliani, VENTITRE’ EURO A TESTA.

Da provare assolutamente, per scoprire una terra come la Puglia, nella simpatia, nel romanticismo, nel Jazz che Nicola Davenia mette in tutto quello che arriverà sulla vostra tavola.

Big image
Big image
Big image

LE RIVISTE PRECEDENTI

PARCO MINERARIO PIANI RESINELLI
BATTESIMO DELLA SELLA
Il sasso dell'Amicizia Break Guide
Parco di Monza
Rifugio Sassi Castelli - Break Guide
Ristoro Monte Basso SPOT
Straberry - Fragole a Merenda
Orti Condivisi di Via Padova