Mattew Fox a Milano

Martedì 01 ottobre

Presso la libreria CLAUDIANA in Via Francesco Sforza, 12A - Milano. Alle ore 18.30.

Conferenza dibattito... in dialogo con LIDIA MAGGI, teologa battista

Chi è Mattew Fox

Nato nel 1940, Matthew Fox è entrato nell'ordine domenicano nel 1967 e ha compiuto gli studi teologici a St.Louis, Missouri, e a Parigi (Istitute Catholique de Paris). Ha insegnato in diversi seminari e università cattoliche. Nel 1983 è iniziato il monitoraggio della sua opera da parte della Congregazione per la Dottrina della Fede, presieduta dal Card. Ratzinger, conclusosi con la condanna del suo libro più famoso, Original Blessing (it: In Principio Era la Gioia), per la sua presunta negazione della dottrina del peccato originale. Nel 1988 il conflitto culminò con una lettera aperta di Fox a Ratzinger dal titolo: "Non è forse la Chiesa Cattolica una famiglia disfunzionale?". Nel 1993 Fox è stato espulso dall'ordine domenicano e gli è stato vietato di insegnare nelle scuole di teologia e università cattoliche. Nel 1994 è stato ricevuto come prete nella Chiesa Episcopale (Comunione Anglicana) a San Francisco. Nel 1996 ha fondato la sua "Università per la Spiritualità del Creato", che ha diretto fino al 2005.

Con la sua “spiritualità del creato”, Matthew Fox propone un connubio tra profezia (giustizia sociale) e mistica (esperienza del creato) come unica via di futuro per l'umanità. La sua teologia può essere definita come corporea e gioiosa, meditativa e appassionata. La svolta dall'antropocentrismo al cosmocentrismo per Fox rappresenta non solo una necessità storica per la sopravvivenza umana, ma anche un rispetto più profondo per l'insegnamento originale di Gesù.

TEMA DELLA SERATA: Cristianesimo e felicità. Ospitare la Grazia nella fragilità del corpo

Tutta la ricerca e riflessione di Mattew Fox è permeata dal tema della gioia che nasce dalla consapevolezza della benedizione originaria di Dio. Una benedizione che ci precede e si manifesta nell'ammirazione estatica di Dio di fronte al creato: "E vide che era cosa buona" (Genesi). Una benedizione che, attraverso il creato, raggiunge anche l'uomo, così che anche questo nostro fragile corpo diviene il luogo dove dimora la Grazia: Abbiamo un tesoro in vasi di creta - scrive Paolo. Da qui nasce la gioia biblica che ritroviamo nel messaggio di Gesù: "Sono venuto perché abbiano la gioia e l'abbiamo in pienezza" - scrive Giovanni.


Cristianesimo e felicità, dunque, vanno insieme in un connubio inseparabile.


Ma in questo pensiero che ruolo hanno il male, il peccato, la malattia, la corruttibilità... la morte?

Come non cadere in una visione irenica e troppo disincarnata?

Come conciliare, dunque, cristianesimo e felicità senza vanificare la croce?


Questi alcuni degli argomenti che verranno trattati nel dialogo con Fox.


Dopo un iniziale dialogo tra Mattew Fox e Lidia Maggi, sarà dato ampio spazio al confronto aperto col pubblico presente


L'ingresso è GRATUITO