carta vetrata

Zyad

la carta vetrata

La carta abrasiva, più comunemente conosciuta come carta vetrata, serve per sgrossare, levigare e pulire superfici in legno o metallo. Noi ci occuperemo delle carte per superfici in legno. Nel'ambito del restauro la carta vetrata ha diverse correnti di pensiero, c’è chi la usa normalmente e chi invece ne aborra l’uso additandola come il male oscuro del restauro. Personalmente la uso e penso che l’esperienza ed una corretta manualità non faccia alcun danno al nostro lavoro.

Come È Fatto - Carta Vetrata, Discovery Channel

proprieta'

La finezza di una carta abrasiva è indicata da un numero detto ‘grana’ stampato sul retro del foglio, più è alto il numero più è fine l’abrasivo e più liscia sarà la finitura.

Partiamo dal scegliere carte specifiche per legno, io uso come grana più grossa una 100, la consumo sempre un po’ prima di usarla su un mobile, giusto da fargli perdere quella che io chiamo ‘la cattiveria iniziale’ che una carta nuova di fabbrica ha. Tengo le carte usate perchè col tempo diventano più ‘gentili’ e sono molto utili nel restauro.Nel mio laboratorio non manca mai anche una grana 180 e 240 che mi servono per finiture di precisione.Importante: su un mobile che restauriamo non usiamo mai carte abrasive con elettroutensili come levigatrici, di nessun tipo.

come usare la carta vetrata

Dobbiamo usare le carte esclusivamente a mano perchè solo usandola a mano abbiamo la sensibilità necessaria che ci permette di fare un buon lavoro. Ricordate che se usate male le carte segnano il legno e la ‘lucidatura‘ non perdona mai un fondo preparato male!!Per utilizzare le carte in modo corretto dobbiamo saperle preparare in modo adeguato.Ritagliamo un rettangolo 2×3 e pieghiamo su sé stessa la carta per tre volte dal lato più lungo . Così facendo la carta ha un’ottima tenuta durante la lavorazione e girandola spesso abbaimo tre lati buoni per lavorare.