CARTA DA SIGARETTA

Andrea Penta Lavinia Serratore

caratteristiche della carta da sigaretta

La carta utilizzata per le sigarette è di tipo speciale e la sua qualità incide sulla compattezza della cenere e sulla quantità d'aria che lascia filtrare, diluendo così il fumo. L'utilizzo di carta con vari gradi di porosità (la proprietà di consentire il passaggio dei fluidi, ossia, nel nostro caso, dell'aria) consente di realizzare sigarette a basso contenuto di catrame. La cartina è un elemento essenziale per la creazione di sigarette artigianali. Occorrono altri due elementi per produrre una sigaretta: il filtro (anche se non essenziale) e il tabaccosfuso. Presso qualsiasi tabaccaio è possibile trovare tutto ciò che occorre. Realizzare una sigaretta può essere più o meno difficile a seconda dell'esperienza e della manualità di chi "rolla" (per rollare si intende "arrotolare la cartina intorno al tabacco"). Esistono anche apparecchi semiautomatici, detti interpercolatrici, che consentono di realizzare una sigaretta artigianale in maniera meccanica.

Tipo A: sono le cartine che subiscono un processo di sbiancamento attraverso processi chimici. Sono di densità consistente e dallo spessore medio, alto. Sono quelle bianche, molto simili a quelle delle sigarette già confezionate, si differenziano da quest'ultima principalmente per la lunghezza.

· Tipo B: sono le cartine quasi trasparenti, più sottili rispetto alle Tipo A e di consistenza leggera.

Le differenze tra le due tipologie consistono nel diverso grado di combustione. Le Tipo A sono definite auto-comburenti in quanto anche non aspirando la sigaretta brucerà da sola. Le Tipo B si spengono se non si aspira. Per quanto riguarda il gusto, esso cambia radicalmente. Le cartine bianche hanno un sapore più mite e leggero ma anche più naturale, quelle trasparenti regalano un sapore più acre e un retrogusto più amaro.

Le cartine solitamente sono fatte di carta derivata da varie piante: riso (Rizla+) canapa e lino (Rex bravo) . Contengono anche una sottile striscia di colla (gomma arabica) per chiudere i due lembi della cartina nel momento del rullaggio. Si trovano inoltre in commercio cartine "ecologiche", realizzate in cellulosa e completamente trasparenti e biodegradabili (Cartine Trasparenti).

Le cartine si trovano in commercio in moltissime forme e dimensioni, che possono variare dal modello corto (circa 4–5 cm di lunghezza) al modello "king size" (100 mm, fino ad arrivare al modello "roller" ovvero un rotolo di lunghezza di circa 1,5 m; Esistono anche versioni aromatizzate alla liquirizia, mentolo, anice, fragola, cocco, caffè, ecc.

I FILTRI
I filtri hanno lo scopo di ridurre la quantità di fumo inalata dal fumatore. Molti filtri sono ricavati da una fibra tessile, la cellulosa. Il filtro è insapore ed è resistente quanto basta per mantenere la sua forma. I vari tipi di filtro, insieme ad altri elementi strutturali come la ventilazione, forniscono differenti contenuti di catrame e nicotina modificando il gusto e la forza del tabacco.

CARTE RYO MYO

E' disponibile una gamma di carte sottili colorate per booklets. La grammatura solitamente è di 13 gsm. Essendo carta colorata, l'aspetto è di una carta velina semitrasparente, molto apprezzata dai fumatori RYO.

CARTA AVVOLGIMENTO FILTRO

Ampia gamma di carte avvolgimento filtro (plug wrap) con grammatura da 23 gsm a 27-30 gsm. Ci sono anche carte avvolgimento filtro porose e non porose.
Le porosità più comuni sono 2400 CU, 4000 Cu, 7000 CU e 10000 CU. e' importante considerare che maggiore è la porosità minore è la lunghezza della bobina al fine di mantenere lo stesso diametro.

poesia

Apro la sigaretta

Apro la sigaretta

come fosse una foglia di tabacco

e aspiro avidamente

l'assenza della tua vita.

È così bello sentirti fuori,

desideroso di vedermi

e non mai ascoltato.

Sono crudele, lo so,

ma il gergo dei poeti è questo:

un lungo silenzio acceso

dopo un lunghissimo bacio.

Alda Merini

20 Sigarette - Marco Mengoni

Video di Marco Mengoni

in questo video il cantante , marco mengoni, parla della sua esperienza con le sigarette e perciò l' ha chiamata 20 sigarette